Connect with us

Film Storici

A Milion Miles Away, errori e storia vera dietro al film

Published

on

Lasciando le proprie radici nella campagna della California per spiccare il volo nello spazio, la storia di José Hernández incarna l’esempio tangibile del sogno americano. Dalle umili origini come figlio di braccianti agricoli migranti ai vertici dell’esplorazione spaziale, Hernández testimonia che con la determinazione e il supporto giusto, nessun sogno è troppo lontano. Esaminiamo da vicino il suo percorso, da lavoratore nei campi fino a diventare un rinomato astronauta.

La vita di José Hernández tra i campi della California

L’infanzia di José Hernández è trascorsa tra le righe di piantagioni dove, insieme alla sua famiglia, ha raccolto una varietà di prodotti agricoli come uva, fragole, ciliegie, cipolle e cetrioli. La famiglia Hernández intraprendeva un viaggio annuale da Michoacán, in Messico, alla California per lavorare per nove mesi prima di fare ritorno nel luogo d’origine. Questa esperienza ha radicato nel giovane José la dedizione al lavoro, che poi diverrà pilastro nella realizzazione dei suoi obiettivi.

Uva
Fragole
Ciliegie
Cipolle
Cetrioli

Il sogno di diventare astronauta e i primi passi

Fin da piccolo, José mostrava una spiccata predisposizione per la matematica e la scienza. Il suo desiderio di diventare astronauta si è acceso all’età di dieci anni, stimolato dalle immagini dello storico allunaggio dell’Apollo 17 del 1972. Condiviso il sogno con i suoi genitori, ricevette totale appoggio, in particolare da suo padre che credette fermamente nelle sue potenzialità e dalla sua insegnante, Ms. Young, che convinse la famiglia a stabilizzare la loro vita per assicurare un’istruzione continua ai propri figli. Quest’attenzione all’educazione permise a José e ai suoi fratelli di migliorare nel percorso scolastico, ponendo le basi per il futuro successo accademico e professionale di Hernández.

La carriera ingegneristica prima dell’assunzione alla NASA

José si è laureato in ingegneria elettrica all’University of the Pacific nel 1984 e ha completato il suo master all’University of California, Santa Barbara. Prima di entrare nella NASA, ha lavorato presso il Laboratorio Nazionale Lawrence Livermore, contribuendo all’innovazione nel settore della mammografia mobile. Nonostante le numerose candidature respinte (undici volte) dalla NASA, Hernández non ha mai smesso di inseguire il suo sogno spaziale. Solo dopo aver rifiutato una prima offerta di lavoro da parte dell’agenzia spaziale, per completezza di impegno nei confronti di Livermore Labs, José è riuscito infine ad essere accettato nel programma di formazione per astronauti dopo anni di insistenti tentativi.

L’ascesa al sogno spaziale di Hernández

Nel 2004, José Hernández fu finalmente selezionato per il programma astronautico della NASA, riconoscendo in lui la prestanza e la competenza necessarie. Nella sua attesa di partire per lo spazio, José divenne padre di cinque figli ed ha sostenuto la sua famiglia anche attraverso la gestione di un ristorante messicano situato nelle vicinanze del Johnson Space Center. Il 28 agosto 2009, Hernández partì a bordo dello Space Shuttle Discovery come ingegnere di volo nella missione STS-128 verso la Stazione Spaziale Internazionale, realizzando infine il sogno che coltivava dall’infanzia.

Il ritorno a terra e l’impegno continuo di Hernández

Dopo aver servito la comunità spaziale, José Hernández si è ritirato dalla NASA nel 2011, ma non ha mai cessato di contribuire attivamente alla società. Ha fondato la Reaching for the Stars Foundation, si è candidato per un seggio al Congresso e ha persino acquistato un vigneto in California, luogo simbolico del suo inizio. La sua prima annata di vino, soprannominata Tierra Luna, riflette la connessione tra la terra che un tempo aveva coltivato e il cielo che ha esplorato. Ora, con una storia così ricca alle spalle, José Hernández continua a essere un’ispirazione per tutti coloro che hanno grandi sogni e ambizioni.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri

Lady in the Lake: La Verità Storica contro il Fascino di Hollywood

Published

on

La miniserie Lady in the Lake disponibile su Apple TV+, è tratta dal romanzo omonimo di Laura Lippman pubblicato nel 2019. Situata nella Baltimora degli anni ’60, la serie esplora due drammatici casi di omicidio che riflettono le disparità razziali e sociali dell’epoca. La storia segue la trasformazione di una casalinga ebrea, Maddie Schwartz, in una determinata giornalista investigativa.

adattamento tratto da un libro

Lady in the Lake su Apple TV+ è un adattamento del romanzo di Laura Lippman pubblicato nel 2019. Il libro narra le vicende di Maddie Schwartz, una casalinga ebrea annoiata dal suo matrimonio che decide di diventare giornalista investigativa nella Baltimora degli anni ’60. Lippman si è ispirata a due sparizioni reali avvenute nella città nel 1969: quella di Shirley Parker, una donna afroamericana di 35 anni, e quella di Esther Lebowitz, una bambina ebrea di 11 anni. La storia, pur essendo in gran parte inventata, affronta le diverse reazioni della stampa ai due decessi, con la morte di Parker, rinominata Cleo Sherwood, che riceve poca attenzione mediatica.

personaggi ispirati ma non reali

La protagonista Maddie Schwartz, interpretata da Natalie Portman, non è basata su una persona reale. Maddie è una casalinga che, dopo quasi vent’anni di matrimonio, si rende conto che la sua vita è priva di significato. Lascia il marito per inseguire la passione del giornalismo. Durante la sua attività, aiuta la polizia a trovare il corpo di una giovane ebrea, evento che la porta a lavorare per il Star, il quotidiano pomeridiano della città. Nonostante i pregiudizi di genere, Maddie insegue la storia di Cleo Sherwood, una donna nera scomparsa, con l’obiettivo di far carriera. Come afferma Lippman, Maddie è completamente inventata, simbolizzando le aspirazioni delle donne negli anni ’60.

ambientazione temporale

Le reali scomparse di Esther Lebowitz e Shirley Parker avvennero nel 1969, ma l’autrice Laura Lippman ha deciso di ambientare la storia della sua miniserie nel 1966, un anno da lei considerato meno ricordato e significativo degli anni ’60.

connessioni tra i casi reali

Nella miniserie, i due tragici eventi sono collegati tramite la protagonista Maddie Schwartz, che esplora le differenze nel trattamento delle scomparse da parte della stampa. La morte di Cleo Sherwood, una donna nera, viene quasi completamente ignorata, evidenziando le disparità razziali dell’epoca. Nella realtà, i due crimini non erano connessi.

circostanze della morte di Shirley Parker

Il corpo di Shirley Lee Wigeon Parker fu ritrovato il 2 giugno 1969 nella fontana del Druid Park Lake di Baltimora. Parker, madre di due figli e lavoratrice nel famoso Sphinx Club, era scomparsa cinque settimane prima. L’ultima volta era stata vista discutere con il suo fidanzato, Arno West. Nonostante fosse il principale sospettato, il corpo di Parker era troppo decomposto per determinare la causa esatta della morte.

  • La morte di Parker si concluse senza una chiara causa determinata dal coroner.
  • Arno West era sospettato ma mai formalmente accusato.

accuratezza storica della miniserie

Lady in the Lake è principalmente una creazione di fantasia, sebbene ispirata a veri crimini. Laura Lippman ha ammesso di aver fatto poca ricerca sui fatti e di essersi basata più su temi generali che su dettagli accurati. Sedotta dalla possibilità tematica offerti dai crimini reali, Lippman ha scelto di non farsi vincolare dalla verità storica, preferendo esplorare i limiti e le aspirazioni delle donne negli anni ’60.

Continue Reading

Film Crime

The Bikeriders: La Vera Storia Contro la Versione di Hollywood

Published

on

The Bikeriders: verità e finzione

The Bikeriders, film di Jeff Nichols, trae ispirazione dal fotolibro del 1968 di Danny Lyon, ma presenta molte libertà narrative rispetto ai fatti reali. Le seguenti sezioni esplorano queste discrepanze, analizzando la veridicità dei personaggi e degli eventi rappresentati.

ispirazione reale dietro The Bikeriders

il libro fotografico di danny lyon

Il film The Bikeriders si basa sul fotolibro di Danny Lyon del 1968, che documenta la vita del club motociclistico Chicago Outlaws, rinominato Chicago Vandals nel film. Lyon, interpretato da Mike Faist, trascorse quattro anni con il club. Il libro non offre dettagli estesi sui membri, portando la pellicola a inventare molte parti della trama. L’obiettivo di Nichols era evitare di urtare i membri attuali del club, ancora operativi.

Jeff Nichols ha dichiarato a Entertainment Weekly: “The Bikeriders è finzione”, sottolineando che il film si basa su reali eventi e interviste, ma strutturati in uno script di fantasia. Anche Lyon ha confermato il carattere inventato del copione, basato su monologhi registrati nel suo libro.

accuratezza del personaggio di danny lyon

Il film non rappresenta fedelmente Danny Lyon. La pellicola lo presenta come studente di fotografia, mentre nella realtà aveva già concluso gli studi e aveva 24 anni quando si unì ai Chicago Outlaws. Era un membro effettivo del club, condividendo lo stile di vita dei motociclisti, e non un semplice estraneo accolto nel gruppo.

i personaggi di The Bikeriders e le persone reali

personaggi ispirati a persone reali

Molti personaggi del film si basano su membri effettivi del club. Questi includono:

  • Benny (Austin Butler)
  • Johnny (Tom Hardy)
  • Zipco (Michael Shannon)
  • Funny Sonny (Norman Reedus)
  • Cal (Boyd Holbrook)
  • Cockroach (Emory Cohen)

Funny Sonny, ad esempio, era un ex membro degli Hell’s Angels. Le immagini di questi individui sono presenti nel fotolibro di Lyon e su Instagram.

rappresentazione della violenza di johnny

Johnny, interpretato da Tom Hardy, è dipinto come un individuo violento nel film, mentre nella realtà il presidente del club era noto per il suo carattere pacifico. La violenza del personaggio serve la narrativa drammatica del film, distanziandosi dai resoconti veritieri.

verità dietro il personaggio di kathy

Kathy (Jodie Comer) si basa su Kathy Bauer, che si innamorò di Benny. Come nel film, si sposarono cinque settimane dopo essersi conosciuti. Alcuni dettagli, come la sua prima reazione a Benny, riflettono fedelmente le interviste reali. La pellicola omette fatti significativi, come i tre figli di Kathy avuti da una precedente relazione.

Nel film, la relazione di Kathy e Benny appare più lineare, tralasciando complessità importanti per semplificare la storyline.

registrazioni originali

Le interviste che hanno ispirato The Bikeriders sono disponibili sul sito di Danny Lyon, BleakBeauty.com. Questi documenti audio offrono una risorsa preziosa per comprendere le divergenze tra film e realtà.

Il film The Bikeriders rimane un’interessante esplorazione narrativa di un periodo e un gruppo specifico, anche se con numerose licenze poetiche rispetto ai fatti storici documentati da Danny Lyon.

Continue Reading

Film Crime

Hit Man, la vera storia dietro il Film

Published

on

L’episodio in questione confronta il film Hit Man su Netflix con la storia vera dell’investigatore Gary Johnson, che si è finto un finto sicario per incastrare individui che cercavano di assumere qualcuno per commettere omicidi. Durante la sua operazione sotto copertura, Johnson ha catturato oltre 60 persone. Viene spiegata l’accuratezza storica delle prime scene e il punto in cui Hit Man diverge dalla realtà per abbracciare la finzione completa.

la vera storia di gary johnson

il contesto dell’investigazione

Gary Johnson, un investigatore di lunga esperienza, ha condotto un’operazione sotto copertura in cui si è finto un sicario. Lo scopo della missione era smascherare e arrestare individui che tentavano di orchestrare omicidi attraverso un killer a pagamento. Durante questo periodo, Johnson è riuscito a catturare più di 60 persone coinvolte in questo tipo di attività illecite.

strategia e risultati dell’operazione

L’approccio di Johnson consisteva nel farsi passare per un sicario disponibile ad accettare incarichi per uccidere. Questa operazione ha non solo smascherato i criminali, ma ha anche portato ad una serie di condanne significative, mostrando l’efficacia dell’infiltrazione sotto copertura come metodo investigativo.

discrepanze tra realtà e finzione

come il film si discosta dalla realtà

Il film Hit Man inizia con un’accurata ricostruzione delle prime vicende di Gary Johnson, rimanendo fedele ai fatti storici. Con l’avanzare della trama, la narrazione prende una piega più romanzata, allontanandosi dagli eventi reali. Il film abbandona rapidamente la veridicità storica per abbracciare una narrazione completamente fittizia, trasformando la storia originale per incrementare l’elemento drammatico.

elementi realistici nelle fasi iniziali

All’inizio, il film rappresenta fedelmente le tecniche investigativa adottate da Johnson, inclusi i metodi di infiltrazione e le modalità di interazione con i criminali. Le prime scene forniscono una visione realistica del lavoro dell’investigatore, prima che la trama prenda una svolta più fantasiosa.

note finali

La storia di Gary Johnson è un esempio significativo di come la realtà a volte possa superare la finzione. La sua abilità nel catturare oltre 60 persone attraverso una operazione così pericolosa e ingegnosa mette in luce l’importanza dell’infiltrazione sotto copertura nel campo delle indagini criminali.

Continue Reading

Trending

Copyright